giovedì 16 ottobre 2014


Per non creare ulteriori polemiche, spieghiamo perchè e come è nato questo gruppo. Mattia Maronelli è stato redattore di un giornale online del Bologna, ma si accorse di non essere pienamente soddisfatto ad avere quell'incarico, in quanto la sua necessità era di volere sensibilizzare più persone per condividere la sua emozione, ela sua passione per il Bologna calcio. Così coinvolse alcuni di noi a creare un indirizzo web per poi formare un gruppo all'interno di facebook. Iniziò tutto quasi per “gioco” per divertimento, fino alla scelta di "www.noi,tifosirossoblù.blogspot.com" che in un secondo momento cambiammo in "iveritifosidibologna.club" semplicemente perchè abitiamo tutti a Bologna. E' chiaro che il gruppo formatosi successivamente è stato denominato i veri tifosi del Bologna proprio per poter accogliere chiunque provasse la nostra stessa passione.Inizialmente voleva essere un gruppo ristretto perchè allargandolo avrebbe significato dedicargli più tempo e meno alla nostra vita privata. Ma nel momento in cui le domande d'iscrizione triplicarono, ci siamo ritrovati per decidere sul da farsi. Troppo forte la voglia di creare una sinergia tra tutti noi, ed in una collettività si sa che ogni strada porta ad una meta buona e per essere soddisfatti basta sapere di poter raggiungere lo scopo prefissato. Così ciò che ci ha indotto, sollecitato, riattivato è stato il piacere e la soddisfazione nel poter creare una sorta di unione, una compattezza forte e importante, per cui abbiamo voluto dirigere il traffico dei nostri sentimenti e della nostra volontà in un unico senso: verso tutti voi. Ciò che ci da la spinta e la forza di continuare in questa impresa è la passione e non la curiosità o il “mi piace” in più. Cerchiamo di dare ad ogni emozione una personalità ad ogni stato d'animo un'anima. Ora siamo arrivati a più di 5.000 iscritti (SU FB) e 49.000 visualizzazioni NEL (BLOG) che vanno in crecendo, e questo non può che renderci felici. Riuscire a riunire così tante persone per un unico ideale è qualcosa di meraviglioso ed eccitante. Lo scopo di tutto questo è anche di dar la possibilità a tutti quanti di conoscere altre persone ed eventualmente creare un'amicizia, perchè come diceva Totò: “Da cosa nasce cosa”. Noi crediamo in tutto questo e vogliamo perseguire la verità in ogni notizia senza interpretazioni personali, e così come le apprendiamo le riproponiamo a tutti voi per rendervi partecipi ad una eventuale discussione sempre condotta con toni pacati. Cosa c'è di più bello nel potersi scambiare idee e propositi parlando della squadra amata? Grazie veramente di cuore a tutti quanti per ciò che ci regalate quotidianamente con il vostro interessamento e la voglia di sapere e scoprire sempre quello che ci accomuna, ovvero la fede nel Bologna fc


giovedì 15 settembre 2016

LA STORIA DEI BOMBER: DAL 1929 A OGGI!

E oggi,cari Amici e tifosi rossoblù,iniziamo con la rubrica sui nostri bomber capocannonieri del nostro campionato.

Pietro Paolo Virdis - Milan
Capocannoniere:   1986/87  gol 17

Risultati immagini per virdis

Al primo anno in Serie B segna 18 gol, quindi passa alla Juventus nella quale disputa tre campionati in chiaroscuro. Nel 1980 ritorna in Sardegna, per poi tornare in bianconero nel 1981 e contribuire con 9 reti, capocannoniere della squadra, alla vittoria del campionato italiano. Dopo due scudetti e una Coppa Italia conquistati all'ombra della Mole, nell'estate del 1982 viene ceduto definitivamente all'Udinese per lasciare il posto a Paolo Rossi, rientrato dalla squalifica e reduce dai vittoriosi Mondiali del 1982. A Udine Virdis gioca poco nella prima stagione,a causa di parecchi infortuni, mentre nella seconda mette a segno 10 gol.
Nel 1984 viene acquistato dal Milan, dove resta fino al 1989. Nella stagione 86/87 è capocannoniere della Serie A con 17 gol,e in quella sucessiva i suoi gol permetteranno al Milan di vincere lo scudetto dopo aver recuperato il distacco dal Napoli superato anche grazie a una sua doppietta decisiva in Napoli-Milan (2-3) del 1º maggio 1988. L'anno sucessivo conquista la Coppa dei Campioni a Barcellona, dove, nella finale contro la Steaua Bucarest del 24 maggio 1989, subentra a Ruud Gullit al 60'.
Rigorista, in campionato sbagliò un solo rigore, parato da Giampaolo Grudina, portiere del Pisa. Si è ritirato dal calcio nel 1991, dopo aver disputato le ultime due annate da professionista con il Lecce.

Diego Armando Maradona - Napoli
Capocannoniere:   1987/88  gol 15

Risultati immagini per diego armando maradona scudettoRisultati immagini per diego armando maradona scudetto

"El Pibe de Oro".....In quella stagione,fu anche il bomber di Coppa Italia,con 6 reti,e come lui,hanno fatto il bis solo Riva,Boninsegna,Signori.
Che dire di questo talento,considerato uno dei più grandi di tutti i tempi!..Con Lui il Napoli vince gli unici suoi 2 scudetti!...Il suo gol realizzato contro la Nazionale Inglese nei quarti di finale del Mondiale 1986 è considerato il gol del secolo, e segue di cinque minuti l'altro famoso e controverso episodio per cui è spesso ricordato, quello della "mano de Dios".
Finisce la sua carriera da giocatore,in Argentina,dal 1995 al 1997 nel Boca Junior.


Aldo serena - Inter
Capocannoniere:   1988/89  gol 22

Risultati immagini per aldo serenaRisultati immagini per aldo serena

Aldo,unico bomber a aver giocato i derby di Torino e Milano con tutte e 4 le maglie.                      Unico a avere vinto scudetti con tre di quelle maglie,Juventus,inter,Milan.
Così disse Agnelli:"Un campione,ma solo dalla vita in su!"....
Dei 22 gol segnati con l'Inter dei record,nel '88/89,la metà li fece di testa.
Finì la sua carriera di calciatore al Milan,anno 1992/93.

E oggi finiamo,entrando negli anni '90, con un altro grandissimo del calcio nostrano e anche Mondiale,seppure la sua carriera fu"breve".

Marcel van Basten - Milan
Capocannoniere:   1989/90  gol 19
                                  1991/92  gol 25

Risultati immagini per van bastenRisultati immagini per van basten gol

La sua carriera fu veramente breve,quelle maledette caviglie!
Talmente fragili che all'età di 28 anni,ha dovuto arrendersi e "appendere"le cosidette scarpe al chiodo.
Così disse Galliani:"Il calcio,perde il suo Leonardo da Vinci".
Fu uno dei più grandi affari della storia del Milan. Pagato poco meno di 2 miliardi(..in lire..),all'Ajax,Marcel( Marco ),ha vinto con i rossoneri di Milano due volte la speciale classifica,e per tre volte il Pallone d'Oro.
Indimenticabile il suo gol,nella finale di Coppa Europa,Olanda-Urss nel 1988....Michels,il CT di allora,è ancora lì che spalanca gli occhi......e pure Noi che l'abbiamo vissuto quell'Europeo!!!!

                                                                           Vincenzo Coppola

1 commento:

  1. Non capisco perchè non sono citati in questo articolo i capocannonieri del Bologna: Schiavio con 25 gol nel Campionato 1931-32; Ettore Puricelli con 19 gol nel 1938-39 e con 22 gol nel 1940-41; Gino Pivatelli con ben 29 gol nel 1955-56; Harald Nielsen con 19 gol nel 1962-63; infine Giuseppe Savoldi con 17 gol nel 1972-73.

    RispondiElimina